• Prezzo Italia:
  • Prezzo Livigno:
  • E' in vendita presso:

Ormai tutti siamo a conoscenza del cambiamento di direzione artistica avvenuto già un anno fa tra i muri di Gucci SpA. La notizia sconvolse molti addetti ai lavori. Nessuno (o quasi) sapeva chi fosse Alessandro Michele. “Michele, chi??”

Un giovane romano barbuto, che esordì in Fendi, entrando in Gucci nel 2002 sotto la direzione di Tom Ford, per poi diventare braccio destro di Frida Giannini e rilanciare le porcellane Richard Ginori dopo l’acquisizione dell’azienda da parte di Kering nel 2014.

Michele è sempre stato dietro le quinte, non mettendosi mai in mostra e non indossando le vesti del guru creativo. Ma la sua visionaria immaginazione ha fatto sì che oggi tutti conoscano i colori sgargianti, i tessuti-tappezzeria, le api, le libellule, i serpenti e le tigri ricamate. Si tratta di un alfabeto chiaro e ben riconoscibile, diventato un must-have globale.

Insieme alle tante, tantissime novità, Michele recupera dagli archivi anche vecchie icone, quasi mai abbandonate dalla maison: i morsetti, la Jackie, la banda rossa-verde e la doppia G. E’ quest’ultima ad essere protagonista della linea “GG Supreme”, un “nuovo-classico” ormai immancabile negli armadi.

Schermata 2017-02-20 alle 15.58.04 Schermata 2017-02-20 alle 15.57.34

Veniteci a trovare Da Giuseppina 1941 WOMAN, saremo lieti di mostrarvi le borse GG Supreme. In fondo, siamo tutti un po’ Gucci-addicted!